DAMNATION GALLERY – Black Stains

DAMNATION GALLERY – Black Stains

DAMNATION GALLERY – Black Stains

TITOLO: Black Stains
ARTISTA: Damnation Gallery
GENERE: Heavy Metal/Horror Metal
ANNO: 2018
PAESE: Italia
ETICHETTA: Leynir Booking

Oggi mi allontano un po’ dagli standard di cui sono solito parlare: niente di sperimentale, di progressive o di artificioso; ma, non per questo, meno interessante. Difatti oggi parliamo di Heavy Metal e soci, con una band dal sound moderno che strizza l’occhio alla vecchia scuola. Quella vecchia scuola dal sound più cupo, a tratti esoterico, definito “Horror Metal”, che rimanda subito a mostri sacri come i Death SS.
Oggi parliamo dei Damnation Gallery, band Heavy Metal/Thrash Metal direttamente dalla Liguria, e del loro full Black StainsAlcune tracce presenti nel loro ultimo lavoro, come ad esempio Dark Souls ed Evil Extreme, sono presenti già nell’Ep precedente Trascendence Hymn, e vengono riproposte con una produzione diversa e più consona alla globalità del lavoro rilasciato nel 2018.
Dopo l’intro Equilibrium Et Chaos, la titletrack irrompe violenta con un sound decisamente Thrash Metal, grazie al quale conosceremo la voce cruda e sprezzante di Scarlet, female leader della band ligure. Black Stains, incentrata sul dualismo tra luce e ombra e topic ricorrente nell’album, ha un tema vagamente orientale e si conclude in maniera inaspettatamente teatrale, passando per alcuni momenti Thrash: nel link sotto potete vedere il video scelto per proporre questa traccia come singolo. Vi è anche da dire che nel videoclip la luce viene “uccisa” lasciando spazio all’oscurità, artefatto estetico che spiega il perché di certe scelte stilistiche in sede live: davvero una spiegazione di gran classe che coglierete non appena guarderete il video e poi il look scelto per i live da parte di Scarlet. Proseguendo nell’ascolto ci troviamo davanti ad Evil Extreme, dove la band dimostra un nucleo musicale più variegato passando attraverso al Black’n’Roll, e a Trascendence Hymn, più Doom all’inizio e più violenta sul finale; nulla di inspiegabile se si considera che il tema di quest’ultima è la liberazione dell’anima che passa prima, necessariamente, per un percorso travagliato. Rest In Pestilence, sesta traccia dell’album, è un canto d’odio contro chi pensa di avere la verità in mano: non è così strano dunque notare un sound incattivito dalle tinte Black Metal, tinte che la band fa sue con padronanza e naturalezza. Dark Souls, che riprende la tematica di Black Stains, ci illude di essere quasi una ballad, illusione che svanisce di colpo per ovvi motivi. -Curiosa una coincidenza: uno dei membri della band, Edoardo Napoli, faceva precedentemente parte di una bandi Vereor Nox, apertamente ispirata al noto videogioco giapponese Dark Souls e che, uscito da questa band, sia stato sostituito niente di meno che da me medesimo… Ciao Edo!-
Arriviamo dunque a Noumenon, ottava traccia ispirata al noumeno kantiano, ovvero quella dimensione non percepibile dall’uomo con i soli sensi: viene da sé un mood più introspettivo e delle soluzioni musicali più lente, almeno all’inizio. In Addiction ho avuto l’impressione che si tratti di una canzone autobiografica da parte di Scarlet, dal momento che la voce sembra particolarmente espressiva, e ciò non che può che elevare la già validissima traccia. I nostri scelgono di chiudere in bellezza con Psychosis, più fredda e più cruda, perfetta per trasmettere il concetto che dietro un grande sorriso può nascondersi il vuoto e l’oblio,  senz’altro una delle più tragiche condizioni psicologiche dell’esistenza umana.
Nonostante questo sia il primo lavoro della band ligure, traspare chiaramente la chiarezza della loro idea musicale e la preparazione di musicisti che, comunque, non solo alle prese con la loro prima esperienza in studio. Non posso fare altro dunque che promuovere il lavoro ed aspettare quello successivo.


VOTO:80/100

TRACKLIST:

01. Equilibrium Et Chaos
02. Damnation Gallery
03. Black Stains
04. Evil Extreme
05. Trascendence Hymn
06. Rest In Pestilence
07. Dark Souls
08. Noumenon
09. Addiction
10. Psychosis

 

LINE UP: 

Scarlet – Voce
Lord Edgard – Chitarra
Lord Of Plague – Chitarra
Low
– Basso e Cori
Coroner
– Batteria

https://www.facebook.com/damnationgallery/

 

Ivo

ivano

Mi occupo da anni di recensioni e interviste (anche bilingue) in ambito Metal. Recensisco su Metal Winds solo previo invio del disco fisico in questione. Polistrumentista per Vereor Nox, Padulo, Breethoven e Social Media Manager per i Liquid Fear.

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *