ALCOTOPIA – It Hits The Spot

ALCOTOPIA – It Hits The Spot

ALCOTOPIA – It Hits The Spot

TITOLO: It Hits The Spot
ARTISTA: Alcotopia
GENERE: Speed Metal / Thrash Metal
ANNO: 2019
PAESE: Lituania
ETICHETTA: Indipendente

Ci sono luoghi che hanno il potere di evocare alla memoria qualcosa senza il bisogno di manifestare la propria presenza davanti agli occhi. Zone che risvegliano qualcosa solo a venire chiamate in causa. Quelle terre che appena le nomini ti fanno subito raggelare il sangue nelle vene, che ti fanno rimanere a bocca aperte davanti ai loro panorami sconfinati, che ti fanno salire una rabbia antica che ti offusca la vista, che riescono a rendere tutto magico, che sono impenetrabili e mistiche, terre antiche… una terra che si affaccia a Nord e tende a Est. Paesaggi che non anche se associati ad una musica più estrema e cupa si rivelano preparati anche negli stili più “classici“, aggressivi ma non per forza neri. Da questa schiera di gruppi arrivano gli Alcotopia, band Speed / Thrash nativa della Lituania formatasi nel 2014. Queste le uniche tre informazioni che è stato possibile reperire su questa nuova proposta (se si fa eccezione ai nomi dei componenti) e non avendo altro a disposizione l’unica cosa che resta da fare e lanciarsi all’ascolto dell’album di debutto intitolato It Hits The Spot. Un sound che parte mettendo subito in mostra, senza creare attesa o permettere una scoperta graduale, quali siano i tratti portanti dello stile della band che con il suo Speed misto Thrash unito ad elementi Power porta subito a pensare ai primi album degli Helloween, senza la componente più melodica e/o sinfonica. Un’impronta sì personale ma i cui riferimenti sono molto nitidi. Sono sufficienti ArmageddonFaceless Man Dr. Waclow, i primi tre brani per avere già tutte le basi per intuire l’andamento del disco. Pezzi che non mancano di graffio e aggressività ma che risultano sempre molto morbidi, lato musicale che risalta molto specie nella seconda parte della già citata Dr. Waclow. Un susseguirsi di attacchi Speed / Thrash che confluiscono in melodie Power per terminare in rapidi tecnicismi e assoli vicini al virtuosismo. Veloce, lento, veloce… veloce, lento, veloce… veloce, lento, veloce… stop… lento, veloce, lento, veloce… lento, veloce, lento, veloce… stop… veloce, lento, veloce… veloce, lento, veloce. Un moto perpetuo che rende prevedibile il passo di ogni singolo brano, sia strumentalmente che vocalmente; un solo percorso senza guizzi o incursioni che diano più corpo a canzoni molto lineari, di buona fattura, ma che non lasciano nulla di significativo addosso a chi ascolta. Dieci tracce che già a metà album ti sembrano troppe da digerire e che già ti sembra di aver ascoltato fino all’assuefazione senza nemmeno esserci arrivato la prima volta. Forse sono la sola title-track e la conclusiva More Beer a presentare un minimo di personalità e ad avere una loro identità staccandosi dal resto della scaletta rivelando una componente che in questo lavoro è mancata quasi immediatamente: dei passaggi più aperti e ritmati nelle canzoni che le rendessero più articolate, sempre pregne degli echi della band blasonata citata, ma comunque più varia nel suono, godibile e meno monotona così da rendere il tutto più fluido.

Un debutto che lascia dietro di sé una nuvola di borbottii insoddisfatti ed espressioni poco entusiaste. Certo è un album fresco che cerca di non essere una mera copia e risultare convincente, ma che non riesce in questo suo intento risultando quasi assemblato in maniera frettolosa e giocato attorno ad una sola soluzione musicale.

VOTO: 50 / 100

TRACKLIST:

  1. Armageddon
  2. Faceless Man
  3. Dr. Waclow
  4. Asylum Of The Damned
  5. Insanity For Sale
  6. F.Y.E.S.
  7. Persecutor
  8. Mountain King
  9. Alcotopia
  10. More Beer

LINE-UP:

Tomas Ivanovas – Basso

Dmitrijus Matvejevas – Batteria

Juozapas Bočkus – Chitarra

Laurynas Karka – Voce

WEB:

Facebook

YouTube

Spotify

Avatar

daniele_vasco

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *