SARKRISTA – Summoners Of The Serpents Wrath

SARKRISTA – Summoners Of The Serpents Wrath

SARKRISTA – Summoners Of The Serpents Wrath

TITOLO: Summoners Of The Serpents Wrath
ARTISTA: Sarkrista
GENERE: Black Metal
ANNO: 2017
PAESE: Germania
ETICHETTA: Purity Through Fire

Summoners Of The Serpents Wrath è il secondo album ufficiale della Black Metal band tedesca Sarkrista, band attiva dal 2011 nata dalla mente dei tre componenti principali: Exesor, Farbauti e Revenant ai quali, inizialmente, si aggiunse Vidar al basso (ora nelle mani del batterista Exesor); l’album viene pubblicato a Marzo 2017 dalla Purity Through Fire a distanza di quattro anni dall’esordio ufficiale The Acheronian Worship (Misanthropic Art Productions). Il secondo lavoro della band (che ad oggi conta nuovamente quattro membri con l’ingresso del chitarrista Nil) si basa su un concept preciso che glorifica una delle figure più conosciute della demonologia, una delle creature più antiche apparse tra gli scritti della Bibbia: il Leviatano. Un’opera musicale che si snoda attraverso dieci brani; la prima traccia è la suggestiva overture musicale la quale mischia epicità ed atmosfera che permettono di calarsi immediatamente nelle trame oscure e rituali dei Nostri. Atmosfere ed echi ritualistici che rimangono intatti anche in quella che possiamo indicare come open-track vera e propria del disco, The Lurking Giant dove la band riesce a mantenere un sound grezzo ma al tempo stesso studiato ed equilibrato dove strumenti e voce riescono a tenere viva l’attenzione senza scadere nel ripetitivo o in una brutta copia del Black Metal che potrebbe annoiare chi ascolta.
Trattandosi come abbiamo detto di un concept-album non ci sono molte differenze nella struttura dei vari arrangiamenti e l’album scorre su un solo binario ma vengono mano a mano aggiunti elementi che ne incrementano sia l’atmosfera che il taglio epico come nella title-track posta al quarto gradino della scaletta, che grazie ad un’intro di chitarra alquanto suggestiva nel suo essere distorto porta alla luce un brano ben costruito e con la giusta dose di aggressività che si stacca leggermente dai due precedenti. Si ritorna sul binario principale fino ad incontrare la settima traccia, The Sea Pt.2 (My Cold Grave) che riprende gli effetti sonori dell’overture di questo album e li unisce ad un’introduzione di sola chitarra come nella title-track ma questa volta proiettandola su toni più amari e malinconici che vanno poi ad unirsi ad una ritmica cadenzata e ad un secondo riffing semi-acustico che getta una luce diversa su tutto l’album facendo subito divenire questa traccia il momento migliore dell’album, grazie anche all’inserimento di un tappeto melodico dai tratti romantici dettato dalla voce di una tastiera (elemento non accreditato nell’album ma inconfondibile). Una traccia che passa dal malinconico più schietto ad una aggressività sonora di ottima fattura senza che il mood del brano cambi eccessivamente direzione. Con le conclusive Black Devouring Flames e Rituals Of Flames And Skulls la band riprende il suo percorso iniziale di oscurità ed epicità unite ad una atmosfera perfetta, a cui si aggiunge una nota prossima al Rock duro nella sua forma più melodica (Rituals Of Flames And Skulls) che rende il tutto ancor più variegato, chiudendo l’album nel migliore dei modi.

Un secondo album che ci mostra una band in perfetta forma che riesce a rispettare la lezione impartita dai Grandi Maestri del Black Metal ma che riesce a trovare una sua impronta distintiva senza scadere, come dicevamo prima, nella mera copia.

VOTO: 85 / 100

TRACKLIST:

  1. Intro
  2. The Lurking Giant
  3. The Gathering Of Blackest Shadows
  4. Summoners Of The Serpents Wrath
  5. Ascending From The Deep
  6. He, Who Liveth And Reigneth Forevermore
  7. The Sea Pt. 2 (My Cold Grave)
  8. Black Devouring Flames
  9. Rituals Of Flames And Skulls

LINE-UP:

Exesor – Batteria / Basso

Farbauti – Chitarra

Revenant – Voce / Chitarra

WEB:

Facebook

Bandcamp

Avatar

daniele_vasco

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *