TITOLO: Antares
ARTISTA: Release The Blackness
GENERE: Progressive/Technical Thrash Metal
ANNO: 2017
PAESE: Italia
ETICHETTA: Indipendente

La band avellinese Release The Blackness si forma nel 2012, ma riesce a concretizzare il suo estro artistico soltanto cinque anni dopo, quando grazie alla formazione completa e ad un buona alchimia compositiva la line up definitiva rilascia il primo EP Antares. Il loro stile spazia e sperimenta un Thrash talvolta Groove, talvolta Technical e con spunti Progressive. Il loro primo lavoro contiene sei tracce nelle quali è chiaro il loro personale approccio alla musica estrema, dove il Thrash assume a volte anche sfumature Black Metal o Hardcore Punk.
L’EP si apre con In The Secret Names, traccia dall’intro melodica pronta tuttavia a svelare le ritmiche granitiche sulle quali la band fa perno: un Thrash incalzante con svolte Groove e voce in harsh, che durante la riproduzione dell’album virerà occasionalmente in scream e growl; il tutto condito da riff dissonanti atti a comunicare quel mood maligno che la ritmica da sola non potrebbe esprimere. In Allure Master Fine la band adotta una variante: la chiave melodica diventa improvvisamente la voce in clean, che unirà i restanti elementi donando un tocco diverso dal brano precedente. Dogma e The Way Of Hollow Self seguono lo stesso iter stilistico: dopo aver chiarito all’ascoltatore quali sono i mezzi espressivi, il terzo e il quarto brano evolvono gli stilemi aggiungendo venature Progressive e rendendo le ritmiche ancora più Technical, in uno stile che può ricordare quello dei Meshuggah; vi è anche un a trasformazione armonico-melodica, dal momento che le dissonanze diventano meno esplicite ma più funzionali affinché l’ascoltatore si trovi immerso in questo lavoro accuratamente studiato. In A Crusade’s Paradigm e in Antares i Release The Blackness decidono di alzare la posta in gioco e di irrobustire le caratteristiche precedenti: le già severe ritmiche si complicano ulteriormente e i relativi intrecci vengono estremizzati, creando strutture intrecciate tra gli strumenti che seguono la batteria pur rimanendo parzialmente indipendenti.
Un esordio a carte scoperte per la nuova band di Avellino, Antares è un buon lavoro che delimita chiaramente le preferenze artistiche della band quali Gojira, Lamb Of God, Trivium e Meshuggah. Tuttavia Antares non è un EP che si presta ad essere colto subito e può risultare parzialmente ostico: consiglio dunque più ascolti per una comprensione più accurata dell’opera.

VOTO: 78/100

TRACKLIST:

01. In The Sacred Names
02. Allure Master Fine
03. Dogma
04. The Way Of The Hallow Self
05. A Crusade’s Paradigm
06. Antares

LINE UP:

Adelchi Romano – Basso
Mariano Pastorelli – Batteria
Cristian Lomazzo – Chitarra
Rocco Minichello – Chitarre e Voce

WEB:

https://www.facebook.com/pg/releasetheblacknessofficial/about/?ref=page_internal

https://releasetheblackness.bandcamp.com/releases

 

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *