ONRYO – Mūto

ONRYO – Mūto

ONRYO – Mūto

TITOLO: Mūto
ARTISTA:
Onryo
GENERE:
Technical Death Metal/Grindcore
ANNO:
2017

PAESE: Italia
ETICHETTA:
Everlasting Spew Records

Gli Onryo sono una band italiana a cavallo tra il Technical Death Metal e il Grindcore. Tutto ebbe inizio dall’incontro tra Deborah Pettine e Daniel Casari, a cui più tardi si aggiunsero Alessio Cattaneo e Giulio Galati (batterista degli Hideous Divinity e Nero di Marte). Dopo qualche modifica nella line-up, da quattro membri passano a tre e nel 2016 i Nostri iniziano a registrare Mūto.
Subiscono quindi un ulteriore cambiamento nella propria formazione, infatti Edoardo Spadoni entra ufficialmente nella band come secondo chitarrista.
Gli Onryo hanno già diviso il palco con gruppi come Hour of Penance, Nero di Marte, Nader Sadek, Weedeater  e altri.
Mūto è un EP composto da sole quattro tracce, che però racchiudono in esse una miriade di sonorità differenti.
Daniel Casari utilizza la sua voce sia in pig squeal che in growl, mentre blast beats incessanti non ci abbandonano neanche per un momento. In una sola canzone possiamo trovare più generi fusi insieme, come per esempio nella prima traccia, Oni, troviamo sia del Technical Death Metal che del Grindcore. Connubio interessante, in quanto sono generi solitamente ben distinti e distanti tra loro, a causa dei virtuosismi e dell’eleganza del Technical e dei suoni più sporchi del Grindcore. Ma non ne risulta alcuna dissonanza: il tutto è ben amalgamato.
In The Pyromaniac – Anarchogrind, vi sono anche dei synth, i quali contribuiscono alla creazione di un’atmosfera più oscura. Nonostante  la brevità dei brani (in particolar modo le prime due canzoni si aggirano intorno ai due minuti), in ognuno di essi troviamo qualcosa di nuovo. Oltre i sintetizzatori, sia la voce che gli strumenti vengono utilizzati in modo differente. In questo pezzo i Nostri sembrano riprendere in minima parte alcune sonorità dei The Dillinger Escape Plan; il cambiamento che vediamo dalla prima alla seconda traccia stupisce, anche perchè  Mūto, nonostante le molteplici variazioni, rimane un lavoro coerente. Non vi è mai ripetitività, né monotonia per tutta la durata dell’EP.
Humanophobia
inizia con ritmi più lenti, ma ciò riguarda solo la breve intro. A seguire ritmi martellanti e articolati riff per le chitarre. Violenza ed energia non mancano.

Sickness And Aluminium Foil Helmets ci sorprende sin da subito, infatti rimaniamo sorpresi nell’udire all’improvviso un sassofono. Essendo giunti alla fine del lavoro, abbiamo ormai compreso quanto gli Onryo siano attratti dalla sperimentazione.
Jazz, Avant-Garde, -core, Hardcore, Grindcore, Technical Death, Mathcore e Brutal: difficile incasellarli in un solo genere.
Mūto ci colpisce sin da subito per la sua complessità e pluralità. Artisti che non si pongono limiti e che non hanno paura di mettersi alla prova; consigliato a tutti gli amanti dell’Avant-Garde, ma anche a chiunque voglia lasciarsi trasportare verso nuovi lidi, senza però abbandonare  sonorità più pesanti.

 

VOTO: 80/100

 

Tracklist:

  1. Oni
  2. The Pyromaniac – Anarchogrind
  3. Humanphobia
  4. Sickness And Aluminium Foil Helmets

Line Up:

Alessio Cattaneo – Chitarra
Daniel Casari – Voce
Giulio Galati – Batteria
Edoardo Spadoni – Chitarra

WEB:

https://www.facebook.com/onryoBand/

Teresa Medori

teresa

Ascolto Metal da più di dieci anni, ho studiato canto per più di tre anni presso una scuola, ed il resto da autodidatta. Il genere che prediligo è il Technical Death Metal, nonostante comunque io ascolti anche molto altro in ambito Metal.

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *