NEOHERESY – Oblawa

NEOHERESY – Oblawa

NEOHERESY – Oblawa

TITOLO: Oblawa
ARTISTA:
Neoheresy
GENERE:
 Symphonic/Pagan Black Metal
ANNO:
2016

PAESE: Polonia
ETICHETTA: 
Autoprodotto

 

Il nome Neoheresy potrebbe non dire niente a molti dei lettori di quest’articolo ed effettivamente il progetto sembra godere di ben poca fama, però quello di Hellveto è invece molto più conosciuto. Hellveto fu infatti un progetto di Black Metal di matrice molto oscura, incentrato sull’aspetto sinfonico/medievaleggiante, di Filip Mrowiński. Questa One Man Band, oramai conclusasi, è decisamente conosciuta ed apprezzata negli ambienti di Pagan Black e Black Sinfonico.
Fatto sta che questo nuovo progetto, Neoheresy, risultò essere per Filip Mrowiński un’ottima occasione di sperimentare e provare a creare qualcosa di nuovo e diverso. Dopo aver pubblicato tre album mostrando una costante evoluzione stilistica eccoci giunti, molto in breve, al suo ultimo disco, Oblawa.
Un disco dalla forte componente atmosferica e sinfonica, studiato in ogni minimo dettaglio. Da subito l’ascolto ci lascia a bocca aperta. Il sound oscuro ed ipnotico ci avvolge trasportandoci in un luogo che ha quasi del magico, lontane foreste cupe e perse nel tempo. Il nucleo del disco a base di Pagan Metal è qui molto più forte e personale che in passato.
Il motivetto col quale l’album si apre torna ad ipnotizzarci più e più volte mentre l’intero platter si muoverà con estrema agilità fra tinte epiche e di ampio respiro (che rimandano vagamente a band sullo stile dei Summoning) ad altre dominate dalla sinfonia creata tramite numerose orchestrazioni perfettamente studiate e che non vanno mai a stonare col resto del disco, anzi si integrano alla perfezione anche nei, pochi, momenti ove regna il black metal più furioso. Del disco c’è ben poco da dire se non che si tratta di un lavoro di altissima qualità e che in vari punti rasenta quasi la genialità: ogni amante di Pagan dovrebbe ascoltare ed amare questo disco distorto e melodico che rispetto ai suoi predecessori sembra voler fare un passo più lungo.
Filip in questo disco dà il massimo impegno e ciò è riscontrabile soprattutto nelle parti di chitarra, in alcuni casi la chitarra acustica ci lascerà a bocca aperta per tutto l’ascolto durante il quale ci perderemo fra i monti deserti di questa fantasia diabolica che è Oblawa, e nei violini che quando compaiono risultano estremamente piacevoli.
Brani ipnotici come Perludium o la Title Track, altri magici e incantati quanto epici come Poworca e Cmentaria, tutti guidati da un filo conduttore che sembra quasi essere intangibile, sono da imparare a memoria.

In conclusione questo Oblawa è un disco magico in cui la stessa struttura dei brani sembra esser curata maniacalmente. Un disco forte, dall’impatto atmosferico unico, omogeneo ma mai noioso o ripetitivo. Questo ultimo lavoro del progetto Neoheresy è la prova che questo artista meriti molto di più.

Voto: 90/100

Tracklist:

  1. Perludium
  2. Karzel
  3. Oblawa
  4. Powroca
  5. Cmentaria
  6. Dwa Zywioly

Line Up:

  • Filip Mrowiński – Tutto

WEB:

https://www.facebook.com/Blakagir/

Avatar

jonathan

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *