CALADAN BROOD – Echoes of Battle

CALADAN BROOD – Echoes of Battle

CALADAN BROOD – Echoes of Battle

TITOLO: Echoes of Battle
ARTISTA: Caladan Brood
GENERE: Atmospheric Black Metal
ANNO: 2013
PAESE: Utah (USA)
ETICHETTA: Northern Silence Productions

 

Caladan Brood è il progetto di un duo americano nato nel 2008 dalle menti, e dagli strumenti, di due giovani musicisti, in arte chiamati Shield Anvil e Mortal Sword. I due nomi suggeriscono nell’immediato un collegamento alla saga epic-fantasy Il libro Malazan dei Caduti, scritta dall’autore canadese Steven Erikson, che costituisce infatti la tematica principale dell’intero disco, ritrovata già nel titolo Echoes of Battle.

Ovunque sono i riferimenti ai luoghi, ai tempi e alle battaglie narrate nei libri di Erikson, sapientemente accompagnate da una musica evocatrice di ere lontane e misteriose, nella quale gli ascoltatori più esperti riconosceranno immediatamente la forte e voluta somiglianza con i Summoning, gli unici veri ispiratori dei due giovani musicisti, i quali tuttavia hanno dimostrato, con un solo disco, di saper interpretare il conosciuto detto “l’allievo che batte il maestro”. Echoes of Battle è appunto l’esordio del duo, avvenuto nel 2013 sotto l’etichetta Northern Silence Productions, e si compone di sei tracce inedite.
La prima, City of Azure Fire, apre le danze con melodie di tastiera continuative e parecchio piacevoli all’udito, alle quali si uniscono poi i suoni più grezzi di chitarra e batteria che richiamano chiaramente la scelta di comporre Black Metal, scelta rimarcata ulteriormente dal potente cantato in scream di Shield Anvil. In tutte le tracce del disco, si alternano parti di cantato in scream con parti in una voce più pulita ma al tempo stesso corale, tipica delle colonne sonore dei film fantasy, tanto che non è difficile immaginare, mentre le si ascolta, scenari di avvincenti battaglie in lande meravigliose, immagini di una natura antica e in qualche lontano anfratto temporale. I cori, interpretati dai due membri dei Caladan con la partecipazione di Patrick’O’Malley e Ryan Hunter, sono un ulteriore modo per sottolineare il titolo dell’album, dal momento che ricordano appunto echi di voci lontane e sparse, che ritroviamo soprattutto in tracce come Wild Autumn Wind e Book of the Fallen. Magnifica, in questo disco, è soprattutto l’alternanza delle sonorità più dolci delle tastiere con i riff improvvisi, con gli stacchi duri e netti della chitarra elettrica, a tratti distorta e ad altri pulita, quasi melodica, che non rende il lavoro pesante all’ascolto ma piacevolmente dinamico, tiene alta l’attenzione su di esso ed è perfetto per creare un’atmosfera di sottofondo mentre si lavora o si studia ma anche per uscire a fare una lunga passeggiata con gli auricolari nelle orecchie.
In particolare nella già sopra-citata Wild Autumn Wind ed in A Voice born of Stone and Dust, si può godere dei magnifici assoli di chitarra che spezzano le canzoni con evidente criterio, senza far perdere all’ascoltatore la continuità dei suoni iniziali. Nella versione dell’album contenente le bonus track, presente su Youtube, abbiamo la possibilità di ascoltare due cover dei Summoning: Passing of the Grey Company e Marching Homewards.

Unica pecca? Per ora, questo è l’unico lavoro del duo: non avendo termini di paragone, non ci si può pronunciare più di tanto sull’imbattibilità del lavoro, non sapendo se i musicisti abbiano lavorato al massimo delle loro possibilità. Dal loro sito emerge la notizia di un nuovo album nel 2018, restiamo in fervente attesa. Nel frattempo… ascoltate e comprate questo capolavoro!

 

VOTO: 98/100

TRACKLIST: 

  1. City of Azure Fire
  2. Echoes of Battle
  3. Wild Autumn Wind
  4. To walk the Ashes of dead Empire
  5. A Voice born of Stone and Dust
  6. Book of the Fallen

 

 

LINE UP:

Shield Anvil: tastiere, chitarre, voce, basso, programmazione
Mortal Sword: chitarre, voce, tastiere aggiuntive

 

WEB:

Facebook:  https://www.facebook.com/caladanbroodofficial/
Etichetta:  http://northern-silence.de/

Avatar

giada-caserini

08/08/1996 Lombardia-Italy Amo la buona musica, gli animali e scrivere.

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *