SHADECROWN – Agonia

SHADECROWN – Agonia

SHADECROWN – Agonia

TITOLO: Agonia
ARTISTA:
 Shadecrown
GENERE: Melodic Death Metal
ANNO: 2016
PAESE:
 Finlandia
ETICHETTA:
 Inverse Records

Immaginate.
Un giorno vi capita per le mani, in maniera del tutto casuale, un disco di Melodic Death Metal abbastanza accostabile al Progressive in certi punti e che ad ascoltarlo ha un impatto devastante: un disco di una maturità allucinante, creato con un’abilità compositiva mai vista prima da parte di una band che deve per forza essere forte di una lunga carriera musicale. Siete già intenzionati a cercare tutto il materiale possibile di tale band quando poi scoprite che questo disco è in realtà solo il primo del suddetto gruppo: inutile dire che ciò non può che triplicarne il valore.

Il giudizio, in questo raro caso, è da dare a priori essendo la cosa di meno valore: Agonia degli Shadecrown è un bellissimo disco, soprattutto per gli amanti di determinate sonorità, perfetto quasi in tutto.
Una volta aver stabilito questo c’è da spiegarne il perché: spesso il Death Metal (così come il Melodeath) risulta molto ripetitivo e fine a sé stesso, poche sono le band che riescono a divertire sul lungo tempo rimanendo su questo genere. Ancor meno sono invece le band che riescono con successo e bravura a sfruttare appieno le potenzialità del Death andando oltre i canoni standard di esso e fondendolo con una miriade di influenze tutte ben congegnate ed incastonate perfettamente in un’idea portata avanti con solidità dall’inizio alla fine.
Agonia è un disco forte, pesante, cattivo che però non vuole diventarlo troppo sfociando in eccessiva brutalità fuori luogo. Invece si concentra a dare un senso a tale cattiveria così da mescolarla sempre con una dose massiccia (ma mai invadente) di melodie anche abbastanza complesse e sempre belle da ascoltare che a loro volta s’intrecceranno con spunti che vanno dal Prog e in alcune fasi addirittura all’Atmospheric.
Sono insomma numerose le influenze che ci accompagnano nel viaggio disegnato dagli Shadecrown, intenso e pregno di forti emozioni: l’album sarà un altalenare costante fra furia cieca, armonia, odio, una tenerezza inaspettata, desolazione e conforto. La confusione di fronte ad un disco così è forte e l’enorme complessità dei brani non fa che aumentarla: in tutti i casi, fatte un paio di piccole eccezioni, le composizioni saranno complesse (come tipico del Death Metal), ricche di riff e alternate in maniera sempre più intricata con fasi sempre più varie.
Degno di nota è il lavoro immenso svolto dai chitarristi, al di sopra della media di un disco attuale e quello della produzione che ci restituisce una qualità eccellente, praticamente perfetta.
Numerose sono le piccole citazioni ad altre band sparse per il disco quali Opeth, My Dying Bride o addirittura Ghost Brigade, questi ultimi ci torneranno più volte alla mente seppur qui in totale assenza di Doom.

In conclusione questo è un disco praticamente obbligatorio per chiunque ami il Death Metal, il Melodeath, ma anche il Progressive di stampo estremo che, seppur questo Agonia non rientri nel genere, si farà molto apprezzare. Brani come Led Astray e Drown si marchieranno a indelebilmente nella mente di chi li ascolta così da non lasciargli scampo e portarlo nell’oblio di quest’album di Death Metal Melodico profondo e ben costruito.

Voto: 85/100

Tracklist

  1. Eremophobia
  2. Led Astray
  3. Ghostlike Existence
  4. Far Off Innocence
  5. Walk Through Hell
  6. Longing For Sleep
  7. The Ruins Of Me
  8. Tear-Stained Heart
  9. Silent Hours
  10. Drown

Line Up:

  • Jari “Jarska” Hokka – Voce growl
  • Kalle Varonen – Batteria
  • Saku “Sacce” Tammelin – Tastiere
  • Janne Salmelin – Basso, Voce pulita
  • Joonas Vesamaki – Chitarra
  • Riku Niemonen – Chitarra

Facebook: https://www.facebook.com/shadecrownband/?fref=ts

Avatar

jonathan

Lascia un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *